Miglior tariffa internet garantita
Prenota ora

Hai bisogno di aiuto?

T.  + 39 06 323 11 44

E. info@residenzadiripetta.com

Storia

La nostra storia

Scoprite la nostra storia

Antico convento del 1600 incastonato nel pieno centro storico di Roma, tra piazza del Popolo e Piazza di Spagna, la Residenza di Ripetta è un superbo complesso architettonico dai tratti sobri ed essenziali, ideale per vivere a pieno il fascino della capitale e godere comodamente della sua ampia offerta culturale e gastronomica.

 L’ edificio che oggi ospita la Residenza di Ripetta fu per secoli uno dei principali conservatori per «zitelle» della città. Il primo nucleo dell’istituto, che diverrà noto come Conservatorio della Divina Provvidenza, risale al 1672, quando un religioso “dotato di buoni talenti e di vivace e generosa pietà” riunì in una casa alcune povere e oneste fanciulle, per “toglierle dal pericolo del mondo e conservare la loro pudicizia, fintanto che si trovasse l’opportunità di maritarle o di monacarle”.

A partire dal 1676 l’istituto si consolidò e si ingrandì grazie al sostegno del Pontefice Innocenzo XI di cui la Residenza di Ripetta conserva gelosamente, all’interno del salone principale, ex chiesa del convento, un mezzo busto marmoreo originale dell’epoca.

Tra l’altro, nel 1682, il sommo Pontefice trasferì a beneficio del conservatorio la tassa che annualmente i “barcaroli” dell’adiacente porto di Ripetta e i mercanti di vino, legna e carbone, erano soliti pagare per finanziare le corse delle barche e altri giochi che si svolgevano il giorno della festa di S. Rocco.

 Nel 1828 l’istituto, comunque ampliatosi nel corso dei secoli, accolse anche le zitelle provenienti dal disciolto conservatorio di S.Pasquale Baylon e nel 1861 fu trasformato in educandato femminile, sotto la direzione delle suore di S. Dorotea.

Dopo aver corso il rischio nel 1870 di essere trasformato in caserma, nel 1876 venne riconosciuto come ente morale destinato all’ educazione di fanciulle orfane di condizione civile e, come tale, è sopravvissuto fino agli anni ‘50 del ‘900.

Accanto agli antichi affreschi e alle affascinanti sculture che ricordano la storicità dell’Hotel, è esposta una sorprendente collezione di opere d’arte contemporanea che include alcuni capolavori dei celebri artisti Pomodoro e Sinisca.

Oggi i custodi di questa storia siamo noi, Management e Staff della Residenza di Ripetta, lieti di condividere con i nostri graditi Ospiti tutto il fascino e la tranquillità della nostra Residenza.